home.html
INFO.html
CENNI_STORICI.html
FAUNA.html
TERRAZZE.html
PASSEGGIATE.html
FLORA.html
INSIEME.html
GEV.html
LINK.html
 
Archivio articoli2014.html

2° Concorso fotografico










Censimento alberi monumentali


segnalazioni









criteri






Confini: Paesaggi, culture, storie tra le Prealpi Lombarde

Ultimo appuntamento dell’anno nell’ambito delle celebrazioni dei “15 anni dalla costituzione del PLIS Valle del Lanza”: sabato 27 ottobre si terrà, infatti, una Giornata di Studi, sempre volta ad indagare il tema del “Confine”, ma, in questa occasione, da una prospettiva più ampia ed inclusiva, che andrà a considerare, non solo il territorio su cui insiste il Plis Parco Valle del Lanza, ma le Prealpi lombarde.

 

Dopo un anno ricco di appuntamenti – ricordiamo le numerose escursioni svolte all’interno del parco che sono state guidate da esperti di diversi settori, la mostra fotografica dedicata ai più suggestivi scorci del parco ospitata in ognuno dei cinque comuni del Plis e lo spettacolo teatrale che ci ha fatto viaggiare come spalloni dentro e fuori confine -, accolti con particolare favore da parte del pubblico, sempre numeroso ed eterogeneo, la giornata conclusiva del 27 ottobre si pone come obiettivo quello di conferire anche un taglio più elevato e sistematico alle questioni.

 

La giornata verrà articolata in due differenti momenti. Nel corso della mattinata si terrà un convengo di studi, nel quale sono stati chiamati ad intervenire docenti universitari – si rimanda al programma dettagliato in calce per conoscere i relatori e relativi interventi – e in cui verrà presentato il volume che contiene gli atti della stessa giornata (pubblicato da Nomos Edizioni). Mentre, durante il pomeriggio, avrà luogo un momento di presentazione dei parchi: il Parco Valle del Lanza presenterà al pubblico le peculiarità del suo territorio, chiamando ad intervenire gli altri parchi, italiani e svizzeri, ad esso limitrofi.

 

La giornata avrà sede a Malnate presso la Cascina Diodona, nella sala detta Limonaia (Via Hermada 20) dalle 9.30.

Per informazioni rivolgersi a info@archeologistics.it, Tel. 328.8377206









































Nuovo itinerario "Cima delle Valli"

 

Segnaliamo l’ormai terminata la posa dei cartelli segnavia del nuovo itinerario “Cima delle Valli” che finalmente attraversa da capo a coda il Parco, percorrendolo lungo il crinale delle colline e il bordo dei centri storici che si affaccia sulla vallata, da Malnate a Bizzarone, o viceversa.

 

Salendo in cresta al Monte Morone, si raggiunge poi il suo gemello Monte Casnione, “vette” malnatesi, passando per il crocevia della “Valeta”: il percorso, in particolare sul Casnione, vede una deviazione rispetto al naturale andamento che tuttavia permette agli escursionisti di transitare dal punto panoramico e dalla vicina “Madonna del fontanino” ed è ormai ben segnalata dai segnavia bianco-rossi che ne indicano la continuità. Lasciatosi alle spalle i saliscendi malnatesi, gira attorno all’abitato di Cagno, attraversando il centro storico per scendere nella valle del Renone, passaggio obbligato per risalire in Valmorea, dove il gigantesco “Sass de la Prea” vigila ormai da centinaia di anni, anche se forse negli ultimi è più impegnato a tapparsi il naso… Passati Caversaccio e Casanova, con le loro ville settecentesche e tanta storia da raccontare, si ritorna nel verde dei boschi della zona della filanda, per la prima volta attraversata da un sentiero ufficiale del PLIS, che con il rio Scivescia segna il confine con Bizzarone. Da non perdere è il punto panoramico nella cornice dei pini silvestri con vista sul colle di San Maffeo. Arrivati a Bizzarone ci si collega al sentiero “Italia”, immettendosi sui passi di un cammino che attraversa tutta la penisola, o con pochi passi in più al “Percorso di fondovalle”, fratello del “Cima delle Valli”, che collega Malnate a Bizzarone lungo il corso del Torrente Lanza.

 

Purtroppo già vittima di vandalismi, che sono stati pressoché immediati e hanno già costretto ad ulteriori spese per la sostituzione dei cartelli danneggiati, soprattutto sulla parte in comune di Malnate rileviamo continuamente variazioni nel posizionamento dei cartelli: si sottolinea che tra Monte Morone e Monte Casnione, in particolare su quest'ultimo, l'itinerario segue un percoso prestabilito che non è dettato dalla via più breve per raggiungere Malnate o Cagno, ma dal percorso che si è scelto per passare sulla cima dei nostri due Monti.


GEV

Presso

- la sede GEV, a Cagno in Via D'Azeglio, sopra la posta (su appuntamento o al sabato mattina)
- l'ufficio tecnico di Valmorea

con una piccola offerta per sostenere le attività delle Guardie Ecologiche, è disponibile il calendario 2016 con le foto vincitrici del concorso "Obiettivo Parco del Lanza". In tiratura limitata e ancora per poche copie, anche il libretto fotografico con tutti gli scatti del concorso!